SottoShock

SOTTOSHOCK

Imola (BO) - IT

Aprile 2006

I - Passo Continuo

cantata, ricercare nei meandri del vuoto incontro fra simili diversitàa'

- Mario Frezzato: corno inglese

- Gianni Chi: basso elettrico

- Guido Frezzato: elettronica

II - Schizophoniìa

in-visibile carosello di beneficiari dei migliori robots offerti da vincitori di regolari appalti

- Igor Buscherini: violino, eViolin

- Tatyana Mukhambet: violoncello, voce

- Bruno Carrozzieri: chitarra, oud

- Maurizio Lesmi: sax soprano

- Mario Frezzato: oboe, corno inglese

- Giuseppe Dal Bianco: khene, bansuri, fujara, duduk, tin whistle, didjeridoo

- Diego Pizzolato: didjeridoo

- Luca Xodo: didjeridoo, percussioni

- Tomas Dan: djembe

- Gianni Chi: pianoforte

- Manny Pardeller: batteria, rumori

III – Euphoniìa

effetti collaterali in poco visti spiriti dimenticati in corpi minerali

- Mario Frezzato: oboe, corno inglese

- Enrico Gabrielli: clarinetto, clarinetto basso

- Gianni Chi: pianoforte

- Manni Pardeller: percussioni

- Guido Frezzato: elettronica

Performance in 3 parti realizzata in occasione della manifestazione di arte contemporanea “Osservanti - Osservati”, presso l'ex Ospedale Psichiatrico dell'Osservanza di Imola. La prima parte e' inserita all'interno dell'installazione "Labirinto" di Beppe Carrino (gruppo "Koine'"). La seconda parte e' stata realizzata all'interno dell'installazione "T uguale 0" di Mariangelo Cazzaniga (gruppo "Koine'".

- Video: Luciano Costa

-------------------------------

It’s well-known that madness is not Art, as well as the contrary.

But it’s also true that fragments of madness regularly appear in the creation process. In a sign, intentionally dropped and out of control. Driven by instinct. In a haunting theme, resumed thousands and thousands of times. In a ghost that always follows us.

And we work on an uncertain ridge, on the involuntary overcoming of a forbidden threshold, on the black and sharp thread of the precarious balance from which we fall more and more. Looking for deeper clearness.

Of the “madness”. This has been and is our lunatic asylum. A torment lasted a year, which now we carry with us together with the unexpected and free lightness of a line made of white feathers. A white Shock...Sottoshock

1/16